fbpx
olio-doliva-effetti-benefici-sulla-digestione

Olio d’oliva: effetti benefici sulla digestione

L’olio extra vergine di oliva ha moltissime proprietà utili alla salute. Si ricava dalla spremitura delle olive che sono il frutto della pianta dell’olivo (o ulivo), a differenza da tutti gli altri oli che si ottengono da semi, è l’unico che si ottiene dal frutto della pianta, è stato studiato per molti anni e attualmente gli vengono attribuite ottime proprietà, sia per la salute sia per la bellezza.

Sono numerose le prove scientifiche che dimostrano gli effetti positivi dell’ olio extra vergine d’oliva per la salute dell’uomo. Molti studi hanno confermato che il consumo di l’olio extravergine di oliva ci protegge dai radicali liberi e dall’invecchiamento cellulare che nella nostra vita quotidiana sono sempre più soggetti ad attacchi esterni di vita frenetica e stressante.

Nel meridione d’Italia sono anche le foglie di Olive ad essere consumate come medicina alternativa, infatti le foglie bollite in acqua e filtrate sono bevute per abbassare la tensione, genera un’ effetto ipotensivo come dilatatore delle coronarie, inoltre ha come effetto un’azione antiaritmica sul cuore dovuto ad una sostanza contenuta nelle foglie l’ oleuropeoside , è quindi indicato in erboristeria contro l’ipertensione, l’arteriosclerosi e le malattie delle coronarie ma anche come diuretico ed ipoglicemiante.

Olio-doliva-effetti-benefici-sulla-digestione1a

Olio d’oliva: effetti benefici sulla digestione

Prevenzione ed uso dell’olio d’oliva per :

  • Olio d’oliva e apparato digerente e urinario
  • Olio d’oliva: un amico per fegato e vie biliari
  • Olio d’oliva e assorbimento delle vitamine
  • Olio d’oliva un alleato contro la stitichezza
  • Olio d’oliva per il benessere delle vie urinarie

Andiamo ora ad analizzare nel dettaglio ognuna di essa:

Olio d’oliva e apparato digerente e urinario

La digeribilità dell’olio extravergine di oliva è superiore rispetto a tutti gli altri oli (semi, arachidi, girasole, ecc…) perché stimola la contrazione della colecisti e quindi la produzione di bile componente importante per la digestione dei grassi (lipidi). Tutto ciò è possibile grazie alla composizione dell’olio di oliva ed in particolare a quel 70-80% di acido oleico (insaturo) che lo rende il più raccomandabile dei condimenti.

L’olio d’oliva migliora la digestione anche perchè agisce come protettore contro l’eccesso di acidità nello stomaco: già dal 1800 si condussero studi in merito all’assunzione dell’Olio d’Oliva su soggetti con disturbi legati all’apparato digerente e fu evidente che aggiungendo ai cibi olio di oliva, l’acido gastrico veniva secreto in maniera decisamente ridotta. Sono perciò evidenti e riconosciuti i benefici nel caso di malattie come ulcere e gastrite, dove è presente un’ ipersecrezione acida, che veniva decisamente ridotta a contatto con l’acido oleico dell’Olio Extravergine d’Oliva.

L’olio d’Oliva  è utile anche nel mantenimento della regolarità della funzione intestinale, accelerando il transito del cibo. Non solo: bere un cucchiaio di olio di oliva crudo al mattino e a digiuno,  aiuta in maniera sostanziale a mantenere stomaco e intestino in buona salute.

Tra gli altri componenti dell’olio, importante aiuto arriva dal betacarotene, che migliora le funzioni dell’intestino e gli permette di essere più resistente alle infezioni e la vitamina E, che come antiossidante è un aiuto anche per il fegato.

È il più digeribile e il più sano tra i grassi ed ha un effetto benefico su tutto il sistema gastrointestinale, proteggendone le mucose. L’acido oleico, infatti, riduce la produzione di acido cloridico e quindi previene gastriti e ulcere. Accelera, inoltre, il transito nel tratto intestinale, favorendone la regolarità. Favorisce l’attivazione del flusso biliare e lo svuotamento della cistifellea, ostacolando l’insorgenza di calcolosi biliare.

Olio d’oliva: un amico per fegato e vie biliari

Il fegato, la ghiandola più grande del corpo umano situata nella parte alta e destra dell’addome, è l’organo di depurazione, filtraggio e digestivo per eccellenza.

L’uso frequente di alcool, cibi fritti, zuccheri e uno stile di vita stressato e pieno di rabbia e rancore represso possono danneggiare il fegato. Inoltre il consumo di cibi confezionati e non biologici, l’uso di farmaci e l’inquinamento ambientale apportano molte sostanze chimiche e pesticidi che col tempo affaticano il fegato che non riesce più a smaltirle.

A differenza dello stomaco, il fegato non ti dice mai direttamente se è indisposto o se ha bisogno di attenzioni particolari. Ti comunica però indirettamente quando comincia a funzionare di meno. Le seguenti condizioni sono collegate ad una funzione epatica insufficiente: irritazione cutaneavista debolemovimenti intestinali poco sani, ciclo mestruale irregolaremal di testa ricorrente, inspiegabile aumento di pesoperdita di energiainvecchiamento improvviso, elevati livelli di colesteroloallergie di ogni genere, costrizione dei vasi sanguigniaddome gonfioritenzione di liquididisturbi gastrointestinalidifficoltà respiratoriememoria e concentrazione scarsedolori nelle articolazioni o in altre parti del corpo, fragilità ossea e qualsiasi altra patologia grave come cardiopatiacancrosclerosi multipladiabete o morbo di Alzheimer.

Il fegato è responsabile dell’elaborazione, della conversione, della distribuzione e del mantenimento della fornitura di carburante all’organismo, ovvero di sostanze nutritive ed energia. La preclusione di queste funzioni vitali ha effetti deleteri non solo sulle prestazioni complessive dell’organismo, ma anche sulla salute di ogni singola cellula. Il fegato non può svolgere correttamente nessuna di queste funzioni se i suoi dotti biliari sono intasati da depositi di bile indurita o da “calcoli biliari” (composti da bile).

All’origine dei calcoli biliari ci sono molteplici fattori, fra cui il ritmo frenetico della vita moderna, lo stress, le diete squilibrate, uno stile di vita destabilizzante, l’abuso di medicinali, stimolanti e alcol, nonché l’assunzione di veleni chimici quali gli additivi alimentari e i dolcificanti artificiali. La congestione dei dotti biliari provoca un notevole indebolimento delle funzioni digestive, limitando così l’apporto di sostanze nutritive ai trilioni di cellule presenti nel corpo. Per questo motivo i calcoli biliari sono una delle cause principali delle malattie fisiche ed emozionali.

Un metodo fai da te semplice è il lavaggio epatico, sicuro indolore per espellere i calcoli sia dal fegato che dalla cistifellea usando succo di mela (o acido malico), olio d’olivasucco di limone e sale di epson. Il vero e proprio lavaggio epatico ha luogo in meno di quattordici ore e può essere fatto comodamente a casa nel fine settimana… Pur essendo una procedura molto semplice, è importante capire il processo e seguire minuziosamente le istruzioni.

La causa più comune delle malattie, si stima che il 20% della popolazione mondiale sviluppi calcoli biliari nel fegato in una determinata fase della vita; molte di queste persone opteranno per l’asportazione chirurgica di questo importante organo. Tuttavia questi dati statistici non tengono conto dei soggetti ancora più numerosi che svilupperanno (o hanno già) calcoli biliari nel fegato.

I calcoli biliari nel fegato possono costituire l’ostacolo maggiore al raggiungimento e al mantenimento di buona salute, giovinezza e vitalità; e possono in effetti essere uno dei motivi principali per cui le persone si ammalano e fanno fatica a riprendersi dalle malattie.

Olio d’oliva e assorbimento delle vitamine

L’olio extravergine d’oliva è un olio dalle straordinarie proprietà: contiene oleocantale, una sostanza che ha una forte azione antinfiammatoria e che fa bene allo stomaco, riducendo i problemi di gastrite.

E’ inoltre un ottimo alleato della pelle, perchè migliora l’assorbimento di vitamina A e vitamina E.  L’olio extra vergine d’oliva influisce sull’aumento del colesterolo Hdl, il cosiddetto colesterolo buono, e dall’altro lato riduce il colesterolo Ldl, quello cattivo. Così facendo protegge il nostro apparato cardiovascolare (cuore, vasi e arterie).

Grazie all’aumento di biodisponibilità delle vitamine D e K2 consente inoltre un migliore assorbimento del calcio e del magnesio, rinforzando la salute delle nostre ossa. Inoltre aiuta la memoria e i processi cognitivi grazie alle neurotropine, che vengono liberate dai polifenoli naturalmente contenuti nell’olio extra vergine.

Un suo corretto utilizzo, inoltre, stimola l’attività del fegato, aiuta la digestione lenta, ed ha un effetto lassativo e detossicante. Altri benefici sono anche quelli sul sistema immunitario, perchè l’olio extra vergine di oliva regola il microbiota intestinale (l’insieme di tutti i microrganismi che colonizzano il nostro intestino).

Tra le proprietà più importanti ci sarebbero addirittura quelle antitumorali, grazie alla presenza di tirosolo e idrossitirosolo, due sostanze che hanno effetti antitumorali. Anche a detta della dott.ssa Farnetti, infatti, alimentarsi con olio extravergine d’oliva sarebbe pertanto «la prima profilassi anti-cancro che possiamo fare».

Infine, questo agisce direttamente sui geni della longevità grazie alla sua azione nutri-genomica. Per questo è sbagliato eliminarlo del tutto dalla dieta. L’ideale è farne un uso moderato, senza escluderlo dalla dieta proprio per le sue straordinarie proprietà.

Olio d’oliva un alleato contro la stitichezza

La stitichezza è uno dei disturbi più comuni nella popolazione, e allo stesso tempo uno di quelli per cui si prova più imbarazzo, evitando di andare dal medico e ricorrendo a rimedi fai da te. Sebbene non si tratti di un problema grave però, recarsi dal medico di famiglia è sempre l’opzione migliore, specialmente nel caso in cui la stitichezza arrivi all’improvviso. In alcuni casi infatti la stitichezza può nascondere un problema più grave, come ad esempio un tumore.

Ci sono dei casi in cui la stitichezza può essere fisiologica: questo è ciò che succede nei neonati che ancora assumono latte, oppure nelle donne incinte. In generale, si parla di stitichezza quando l’evacuazione avviene meno di 3 volte a settimana; tra gli altri sintomi ci sono il gonfiore di stomaco, l’evacuazione dolorosa e le feci dure.

La stitichezza può essere causata da moltissimi fattori: tra questi troviamo un’alimentazione povera di frutta e verdura, l’abitudine di bere poco, la sedentarietà, lo stress e l’utilizzo di alcuni farmaci. Per questo motivo, la stitichezza spesso colpisce gli anziani, che tendono a muoversi e a bere poco. Ci sono inoltre alcuni cibi che possono causare o peggiorare la stitichezza: tra questi troviamo il riso, le patate, le carote, le banane, il tè, il vino rosso, gli insaccati e i latticini. Il caffè, invece, sembra avere un effetto benefico.

Prima di ricorrere all’uso di lassativi – che devono sempre essere consigliati dal medico e non assunti autonomamente, in quanto possono avere seri effetti collaterali – è comunque possibile provare a risolvere il problema cambiando le proprie abitudini: ad esempio arricchendo la propria alimentazione di verdure cotte come spinaci e cavolfiori, di frutta come i kiwi, bevendo di più e facendo più movimento.

Un altro possibile alleato contro la stitichezza è l’olio d’oliva: si tratta di un alimento che contribuisce ad ammorbidire le feci e a lubrificare le pareti dell’intestino, e può essere assunto in due modi: integrandolo nella propria alimentazione – ad esempio condendo con olio d’oliva a crudo delle verdure cotte al vapore – oppure bevendo un cucchiaio d’olio a crudo ogni mattina. Questo rimedio della nonna è estremamente efficace contro la stitichezza, e non ha controindicazioni: può infatti essere utilizzato anche in gravidanza, dai bambini e dagli anziani.

Se l’idea di bere un cucchiaio d’olio al mattino non è proprio allettante, potete stemperarlo in qualche goccia di succo di limone: non solo otterrete una buona dose di vitamina C, ma stimolerete l’apparato digerente e aiuterete il colon a depurarsi. C’è chi preferisce assumerlo come integratore in capsula o bevendo una quantità minima tutti i giorni di infuso di foglie di olivo, una pianta straordinaria ricca di polifenoli considerata un vero alleato per la salute.

L’olio d’oliva ideale da utilizzare come lassativo è quello extravergine, estratto a freddo da spremitura meccanica. A differenza di altri lassativi, inoltre, l’olio d’oliva non irrita la mucosa intestinale e non porta all’atonia, quella condizione in cui l’intestino diventa dipendente dal lassativo. Naturalmente, l’olio d’oliva non è una panacea: non potrete limitarvi a prendere un cucchiaio d’olio ogni mattina, ma dovrete anche seguire tutte le indicazioni precedentemente elencate riguardo all’alimentazione e allo stile di vita. Così facendo riuscirete a liberarvi in breve tempo della stitichezza e a vivere in modo più sano.

Olio d’oliva per il benessere delle vie urinarie

La salute passa anche dalla tavola e alcuni cibi possono essere causa o soluzione di alcuni problemi. Lvie urinarie sono più resistenti di quanto immaginiamo. Ogni giorno sono a contatto con le sostanze di scarto che vengono filtrate ed eliminate dal nostro corpo. Per questa ragione reni, ureteri, vescica e uretra sono rivestite internamente da mucose robuste e ben vascolarizzate in tenuta “sterile”. Cosa significa sterile?

Le vie urinarie non ospitano quei batteri o funghi buoni che troviamo, invece, nell’intestino o nelle parti intime femminili con azione protettiva dalle infezioni.  Questo perché l’ambiente delle vie urinarie è acido e rende difficile la moltiplicazione dei batteri, oltre al fatto che la vescica continua a svuotarsi eliminando urina e i batteri in essa contenuti attraverso l’uretra.

Se il naturale equilibrio delle vie urinarie si altera, allora batteri e funghi si moltiplicano e risalgono dall’uretra fino alla vescica dando origine a focolai infettivi.

Le infezioni delle vie urinarie una volta che si presentano sono un po’ difficili da debellare e tendono a ripresentarsi anche più volte in un anno, e questo è sempre un segnale poco incoraggiante che ci informa di come, evidentemente, le vie urinarie sono diventate più fragili e vulnerabili agli attacchi di batteri e funghi nocivi.

Grazie alla sua equilibrata composizione di grassi, l’olio extravergine di oliva è facilmente digeribile ed ha un ph alcalino che riduce le secrezioni degli acidi biliari: responsabili di ulcere e di fastidiosi bruciori.
Per questo consumare olio extravergine a digiuno ed a crudo (magari prima di colazione) protegge il nostro stomaco per tutta la giornata.
Per un effetto depurativo dell’intestino e del fegato, provalo insieme a qualche goccia di limone.

 

Ecco come fare:

• spremi mezzo limone piccolo;
• aggiungi un cucchiaio di olio extravergine di oliva spremuto a freddo;
• consuma questa bevanda a stomaco vuoto due volte alla settimana.

Per beneficiare al massimo delle sue virtù, l’olio deve essere di buona qualità: è importante sceglierlo con cura e accertarsi che provenga da una filiera certificata.

 

È bene ricordare che l’olio è un alimento calorico. Consumiamolo con moderazione e consultiamo il nostro medico, soprattutto in presenza di patologie.

LEGGI ANCHE:

 

Olio Extravergine di Oliva: come si fà

Olio Di Oliva: Come Scegliere Quello Giusto?

Metodi di Estrazione dell’Olio

Riconoscere l’olio extravergine d’oliva: ecco come 

Olio di Oliva: come leggere l’etichetta

Il miglior olio extravergine d’oliva del mondo

L’Olio Extravergine di Oliva Italiano

Composizione dell’olio d’oliva: gli acidi grassi

L’Olio d’oliva nelle varie età della vita

Olio d’oliva e prevenzione cardiovascolare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares