fbpx
Olio-Di-Oliva-Come-Scegliere-Quello-Giusto-?

Olio Di Oliva: Come Scegliere Quello Giusto?

 

Olio-Di-Oliva-Come-Scegliere-Quello-Giusto-?

Olio Di Oliva: Come Scegliere Quello Giusto?

L’olio d’oliva dal gusto delizioso e dalle sue qualità benefiche per la salute, protegge dalle malattie cardiache.

Ci sono molti oli di oliva presenti sul mercato, come faremo a selezionarne uno adatto alle nostre esigenze?

 

Sappiamo davvero come scegliere un olio di qualità?

 

Andiamo ora ad analizzare nel dettaglio ognuna delle differenze fra i tipi di olio di oliva:

 

  • Olio extra-vergine di oliva, chiamato anche Olio EVO, (l’acronimo coniato per indicare l’olio Extra Vergine di Oliva).
    Proviene dalla prima spremitura delle olive, contiene non più dello 0,8% di acidità, ed è considerato con un gusto superiore. Non ci può essere olio raffinato in quello extra vergine di oliva. Questo è il più sano, il migliore della gamma degli oli di oliva e dovrebbe essere l’olio che condisce le tue insalate.
  • Olio vergine di oliva.
    Il nome indica che quest’olio non ha subito alcun raffinamento; tuttavia, ha un tenore di acidità superiore (1-4%) rispetto a quello extra vergine, quindi conserva solo alcuni dei suoi aromi e sapori naturali.
  • Olio d’oliva.
    Questo è l’olio che si trova in abbondanza sugli scaffali dei supermercati. Di solito è un olio misto, composto di olio vergine di oliva mescolato con olio d’oliva raffinato, di qualità inferiore. La qualità e il prezzo dipendono molto dalla marca e dalla miscela. Adatto per la cottura.
  • Olio di sansa.
    Questo è l’olio di oliva molto raffinato, cioè il residuo che rimane una volta che si spreme l’oliva. È di bassa qualità e molto economico. Dovrebbe essere usato per prodotti di pulizia, piuttosto che per la cottura e il consumo alimentare.

 

Scegli l’Olio d’oliva confezionato in bottiglie scure

 

Nella conservazione dell’olio d’oliva il problema principale è l’irrancidimento, dovuto alle reazioni di degradazione ossidativa, accelerate dalla presenza di luce. Il colore scuro aiuta a prevenire l’ossidazione dell’olio, e quindi a far in modo di rallentare il processo di deterioramento e all’irrancidimento.

Anche la latta può essere un sistema valido di confezionamento, soprattutto perché negli anni la qualità della latta è migliorata: viene, infatti, realizzata in un unico metallo e senza saldature.

I consumatori devono imparare l’importanza di acquistare l’olio in contenitori dimensionati al loro utilizzo reale. È inutile prendere una Latta o una bottiglia da un litro se si è single e si mangia spesso fuori. Certo, si risparmia, ma alla fine si usa olio rancido. Una famiglia più numerosa che consuma molto olio lo può fare.

 

Evitare l’Olio a Basso Costo da supermercato

 

Bisogna non lasciarsi abbindolare dalle offerte low cost, leggere sempre l’etichetta, assaggiare l’olio crudo, apprezzandone l’aroma e il sapore e facendo un confronto tra una bottiglia a basso costo e una bottiglia di buona qualità: noterete subito che il sapore tipico dell’oliva e il suo gusto presentano delle notevoli differenze.

Se siete in dubbio e se la qualità dell’olio che acquistate di solito al supermercato non vi soddisfa, provate a rivolgervi direttamente ai produttori, visitate le aziende olivicole e chiedete di poter assaggiare i prodotti.

 

Leggere le etichette

 

Diffidate dalle etichette poco trasparenti, che presentano scritte minuscole e che sono poco chiare sull’origine dei prodotti. Le etichette devono indicare bene marchio, processo produttivo, luogo di produzione e caratteristiche del prodotto. Le etichette alimentari devono rispettare 3 caratteristiche fondamentali: devono essere chiare, leggibili e indelebili.

Per quanto riguarda l’olio extravergine, ad esempio, devono riportare nome del prodotto, denominazione di vendita, volume nominale e data di scadenza entro cui consumarlo.

Tutte le bottiglie di olio extravergine di oliva riportano sull’etichetta la scritta “Olio d’oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici”.

 

Scegliere olio d’oliva biologico

 

La certificazione BIO è sempre una garanzia, non tanto sulla qualità del prodotto, quanto sul fatto che sia sano. Comprare un olio extravergine biologico significa sapere che è frutto di un’agricoltura più naturale, in cui non sono stati usati prodotti chimici.

L’olio bio sarà di qualità superiore e non conterrà tracce di pesticidi e di sostanze potenzialmente dannose. Inoltre i grandi produttori di olio potrebbero ricorrere a correttori chimici per nascondere l’acidità dell’olio. Dunque scegliete olio extravergine preferibilmente proveniente da piccole aziende e bio.

 

Scegliere Olio d’Oliva Dop e Igp

 

Se volete davvero andare sul sicuro quindi scegliete olio extravergine d’oliva DOP o IGP che tutela e protegge dalle contraffazioni in tutta Europa.
Tutti i
prodotti a marchio DOP o IGP devono rispettare un disciplinare ben preciso.

La sigla
DOP significa denominazione di origine protetta e garantisce provenienza e caratteristiche di un olio. Un olio evo per avere il marchio dop deve rispondere a determinati criteri, peculiari per ogni dop e per ogni zona geografica, relativi anche alla provenienza e alla varietà di olive utilizzate.

L’olio certificato viene sottoposto a controlli organolettici sul prodotto e su tutta la filiera. Comprare un olio extravergine di oliva Dop significa sapere da dove vengono le olive, con la sicurezza di avere un olio 100% italiano. I disciplinari contengono norme in materia di coltivazione, raccolta e confezionamento dell’olio e devono essere rispettate rigorosamente.

 

Olio d’oliva spremuto a freddo

 

La spremitura a freddo consente di mantenere inalterate le caratteristiche nutrizionali e fisiche dell’olio extravergine di oliva, conservando intatte le proprietà e potenziando i benefici che ne derivano una volta consumato.

La prima spremitura a freddo fa riferimento alla temperatura della pasta delle olive frante, che non deve superare i 27° gradi nella fase di gramolatura (rimescolamento).

La frantumazione può avvenire secondo tecniche differenti: la prima (quella tradizionale) prevede la rotazione di grandi ruote di pietra (granito) sulle olive, che verranno pressate successivamente; la seconda invece prevede l’impiego di frangitori meccanici e decanter attraverso un metodo che potrebbe definirsi “continuo” perché privo di pause. Nell’ultimo caso è più corretto parlare di “estrazione a freddo” e si tratta del metodo più utilizzato perché consente di migliorare gli standard igienici dei prodotti e di andare incontro in modo ottimale ai bisogni dei consumatori e del mercato.

La prima spremitura a freddo consente di estrarre il contenuto presente nei frutti preservando la quantità di minerali, vitamine e sostanze ricche di proprietà antiossidanti per l’organismo. Le fasi principali sono: il lavaggio, la macinatura o la gramolatura, la pressatura, la centrifugazione e la filtrazione, sempre con metodi meccanici.

 

Cos’è quindi che rende la prima spremitura a freddo o estrazione a freddo un metodo tanto importante?


Si tratta di una scelta in grado di preservare l’essenza di un frutto e permette di produrre un alimento di qualità attraverso fasi produttive che hanno come finalità quella di esaltare le virtù dell’olio extravergine di oliva.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares